Sole

• 01 luglio: sorge alle 05:40 e tramonta alle 20:50
• 15 luglio: sorge alle 05:49 e tramonta alle 20:45
• 31 luglio: sorge alle 06:04 e tramonta alle 20:30

Superato il Solstizio d’Estate, le giornate tornano lentamente ad accorciarsi.
Nel corso del mese la durata del giorno diventa più breve di circa 44 minuti.

Fasi Lunari

• 05 luglio: Luna Piena
• 13 luglio: Luna all’Ultimo Quarto
• 20 luglio: Luna Nuova
• 27 luglio: Luna al Primo Quarto

Il giorno 12 luglio alle ore 19:28 la Luna raggiungerà l’apogeo (404.201 km), mentre il giorno 25 luglio alle ore 05:37 raggiungerà il perigeo (368.359 km).

OSSERVABILITA’ DEI PIANETI (Visibilità dei pianeti ripresa dal sito astronomia.com)

Mercurio. Ad inizio mese è inosservabile, dato che il giorno 1 si trova in congiunzione con il Sole. Col passare dei giorni, riappare al mattino presto sull’orizzonte orientale, dove possiamo tentare di scovarlo fra le luci dell’alba. Il giorno 22 viene raggiunta la massima elongazione (oltre 20 gradi) dal Sole. Il miglior periodo per osservare è, tuttavia, intorno al giorno 25, quando si verifica il massimo intervallo temporale tra Mercurio e il sorgere della nostra Stella.

Venere. Il brillante pianeta sorge, ad inizio mese, circa 2 ore prima del Sole, per arrivare oltre le 3 ore a fine luglio. Possiamo individuarlo facilmente ad oriente. Segnaliamo la congiunzione con la stella Aldebaran del Toro, il giorno 12, prima del sorgere del Sole.

Marte. Marte rimane uno dei protagonisti del cielo notturno estivo. Continua ad anticipare il suo sorgere fino ad arrivare, a fine mese, ad apparire intorno alla mezzanotte, lasciandoci un’intera nottata disponibile per l’osservazione. Da segnalare, tra l’8 e il 26 luglio, una piccola “escursione” al di fuori delle classiche costellazioni zodiacali, nella costellazione della Balena.

Giove. Giove e Saturno saranno i protagonisti indiscussi dell’estate 2020. Entrambi i pianeti si troveranno infatti all’opposizione proprio nel mese di luglio, offrendoci il migliore periodo di osservabilità dell’anno. Li troveremo sempre in coppia, all’interno della costellazione del Sagittario, con il centro della Via Lattea a fare da sfondo. Il primo a raggiungere l’opposizione sarà proprio Giove, il giorno 14.

Saturno. Le condizioni di osservabilità di Saturno sono analoghe a quelle di Giove, dato che viaggeranno sempre in coppia. Avremo pertanto tutta la notte a disposizione per osservarlo nelle condizioni migliori. L’opposizione di Saturno avviene il giorno 20. Saturno inizia il mese nel Capricorno, ma dal 3 luglio entra con moto retrogrado nella costellazione del Sagittario.

Urano. Il pianeta continua ad anticipare il suo sorgere. Negli ultimi giorni lo si può cercare sull’orizzonte ad Est intorno all’una di notte. Prima del sorgere del Sole si trova alto in cielo in direzione Sud-Est. Urano si sposta molto lentamente con moto retrogrado nella costellazione dell’Ariete, dove rimane per tutto l’anno. La luminosità di Urano è al limite della visibilità occhio nudo e per poterlo osservare è consigliato l’ausilio di un telescopio.

Nettuno. Nettuno sorge in tarda serata ed è osservabile per gran parte della notte. Lo si può individuare a Sud-Est nelle ore centrali della notte. Per osservare Nettuno è necessario l’uso del telescopio, dato che la luminosità del pianeta è al di sotto del limite accessibile alla percezione dell’occhio nudo. Nettuno si sposta impercettibilmente con moto retrogrado nell’Acquario, costellazione che lo ospiterà per un periodo molto lungo, fino all’anno 2022.

 

CARTE DEL CIELO

Visualizza o scarica le mappe del cielo realizzate con Cartes du Ciel in formato PDF:

– osservatorio: Montepulciano
– data: 15 luglio 2020
– orario: 22:00
– coordinate: altazimutali